D.L. 83/15 modifiche alle disposizioni in materia fallimentare, civile e procedura civile e di organizzazione e funzionamento dell’amministrazione giudiziaria

Il 27.6.2015 è stato pubblicato il decreto legge contenente le misure urgenti in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell’amministrazione giudiziaria.

Il 1° luglio è iniziato l’iter parlamentare per la conversione in legge del decreto che dovrà avvenire entro il 26 agosto.

L’unico intervento riservato al codice civile è dato dall’introduzione dell’articolo 2929-bis c.c., relativo all’espropriazione di beni oggetto di vincoli di indisponibilità o di alienazioni a titolo gratuito.

Numerose, invece, le modifiche introdotte alla legge fallimentare ed al codice di procedura civile. In particolare, gli articoli da 12 a 17 intervengono in materia di procedure esecutive.

Da non sottovalutare è la modifica dell’art. 480, 2° comma, c.p.c. a cui è aggiunto il seguente periodo “l’atto di precetto dovrà contenere l’avvertimento che il debitore puo’, con l’ausilio di un organismo di composizione della crisi o di un professionista nominato dal giudice, porre rimedio alla situazione di sovraindebitamento concludendo con i creditori un accordo di composizione della crisi o proponendo agli stessi un piano del consumatore”.

Di impatto immediato, per tutte le possibili conseguenze tanto in termini economici quanto organizzativi, è la modifica all’art. 497 c.p.c. che riduce il termine di efficacia del pignoramento da 90 a 45 giorni.

Interventi anche sul processo civile telematico, con particolare riguardo al potere di certificazione di conformità degli atti notificati e delle modalità di attestazione di conformità.

Clicca QUI per scaricare il testo del decreto legge

Clicca QUI per scaricare il parere del Comitato per la Legislazione

Clicca QUI per scaricare le osservazioni al d.l. di ANF